prestinenza.it

LPP recensisce Mosco

LPP recensisce Mosco

Autore: Luigi Prestinenza Puglisi
pubblicato il 7 Giugno 2012
nella categoria Videorecensioni

Valerio Paolo Mosco,-Nuda architettura, Skira

Voto: 5

 

Ha senso parlare di architettura nuda?- No perchè se nudo è un corpo che non è vestito, l’architettura non può essere mai nuda perchè a vestirla è il suo stesso corpo.

 

Il termine nudo in questo caso è quindi una -metafora imprecisa che per Mosco significa cinque cose diverse.

  1. La tendenza a evidenziare la struttura sull’involucro;
  2. La ricerca della semplicità e della frugalità;
  3. La volontà di realizzare architetture chiare e immediate;
  4. La diffidenza verso- architetture troppo disegnate, ritmate, composte;
  5. La diffidenza verso costruzioni troppo intellettualistiche.

 

Sulla base di criteri cosi’ vaghi è praticamente inutile qualsiasi tentativo di mettere insieme 66 edifici. E difatti il libro di Mosco appare il lavoro metodico di una persona senza metodo che ha però ben chiaro che oggi l’architettura ricerca, attraverso le strade più disparate, maggiore chiarezza e semplicità.

 

Metodo: 2

 

Mosco riesce, nonostante la vaghezza degli assunti, a costruire un interessante saggio critico e a mettere insieme uno zoo di edifici che vale la pena guardare.

 

Interesse: 7

 

Il testo critico -è scorrevole e ben scritto anche se appesantito da citazioni e riferimenti eruditi e ornamentali che ci farebbero desiderare un testo più-nudo

 

Lettura: 7

 

E’ consigliato? Si perchè molti esempi proposti non sono troppo noti. Inoltre se il lettore ha le idee confuse- questo libro non potrà fargli del male e se le ha chiare non gliele confonderà.

 

Prezzo:34 euro per 322 pagine