L’elogio della mediocrità

Luigi Prestinenza Puglisi 27 Maggio 2012 L'opinione di lpp Nessun commento su L’elogio della mediocrità

Con la scusa della fine del tempo dello star system e dei grandi segni autoreferenziali, si assiste all’elogio di opere insulse e insignificanti. Sembra difficile da farlo capire: ma che un’opera costi poco e non sia appariscente non è di per sè sinonimo di capolavoro. Che la banalità e la normalità non sono da deprecare ma neanche da esaltare. Che si possono fare eccellenti opere con scarsi mezzi ma solo con un surplus di creatività e non con il ritirarsi nella piatta imbecillità.

About The Author

avatar

Luigi Prestinenza Puglisi è nato a Catania nel 1956. Fa il critico di architettura. è presidente dell'Associazione Italiana di Architettura e Critica e direttore della rivista online presS/Tletter (www.presstletter.com). è stato curatore della serie ItaliArchitettura (Utet Scienze Tecniche) - una raccolta dei migliori progetti realizzati dagli architetti italiani negli ultimi anni - e docente di Storia dell'architettura contemporanea (Università di Roma La Sapienza). Ha scritto numerosi libri. Quello a cui tiene di più è: HyperArchitettura (Testo&Immagine 1998). Quello che ha venduto di più è: This is Tomorrow, avanguardie e architettura contemporanea (Testo&Immagine, 1999). Quello che avrebbe voluto che vendesse di più è: Introduzione all'architettura (Meltemi, 2004). Quello che ha avuto le migliori recensioni: New Directions in Contemporary Architecture (Wiley, 2008). E poi vi è il più recente: Breve Corso di scrittura critica (Lettera 22, Siracusa 2012) destinato a tutti coloro che vogliono scrivere di architettura e imparare i principi dello storytelling. ÔÇ¿Da non perdere la sua Storia dell'architettura del 1900 liberamente scaricabile e consultabile sul sito www.presstletter.com e sulla pagina facebook dedicata: History of Contemporary Architecture by lpp.

Scrivi un commento